Incontro DIAGEO: un viaggio alla scoperta dei distillati

L’universo food è un settore in continua crescita ed evoluzione.

Grazie ai nuovi modi di comunicare il food è diventato un settore in continuo cambiamento, basta vedere quanto è ormai  centrale in tv con i differenti format di cucina, quanto è importante nel mondo del blogging e quanto è presente in social network come Instagram, in cui il food non deve essere più solamente buono da mangiare ma anche bello da guardare.

Perché vi stiamo dicendo tutto questo?

Se avete un’ attività legate al mondo della ristorazione CDA, in collaborazione con Diageo Bar Academy, ha un evento che non potrete perdere: 3 giorni formativi online per scoprire di più sul mondo dei distillati.

Programma Incontri Diageo

1 incontro: 

Lunedì 15 Novembre dalle 10 alle 11:30

Relatore Riccardo Brannetti ci parlerà di “Abbinamenti con il cibo e servizio dopo cena”

2 incontro: 

Lunedì 22 Novembre dalle 10 alle 11:30 ci fornirà spunti su “ Come rinnovare i tuoi aperitivi”

3 incontro: 

Lunedì 29 Novembre dalle 10 alle 11:30 Andrea Gasparri ci accompagnerà in un viaggio per scoprire “Profumi e sapori tipici dei Single Malts.

Se sei interessato a partecipare scrivici a info@cdamarket.it

Oppure contattateci al +39 0332 262202

Zucca: quali piatti proporre nel tuo ristorante

La zucca, insieme a patate e pomodori, fa parte di quella varietà di prodotti arrivati a noi grazie alla scoperta dell’America.

Regina delle tavole autunnali è ricca di carotene, vitamine, calcio e potassio

Antipasti, Primi, secondi e dessert con la zucca 

La zucca è un alimento estremamente versatile, si presta infatti per la composizione di antipasti, primi, secondi e dessert. In questo articolo vedremo insieme un pranzo tipo, composto essenzialmente dall’ortaggio autunnale più amato di sempre.

Crea una serata a tema e proponilo la sera di Halloween

Bruschetta con zucca e caprino 

Un antipasto goloso e super cremoso, ti basterà far sbollentare la zucca e servirla a cubetti su crostoni di pane bruschettato con aggiunta di pezzetti di caprino o granella di noci. 

Risotto alla zucca

Emblema dell’autunno, simbolo di pazienza e calore grazie alla cottura lenta necessaria per la realizzazione del piatto. La vera ricchezza di questa ricetta sta nella sua semplicità. 

Polpette di zucca con cuore filante 

Vi basterà della polpa di zucca, uova, pangrattato e formaggio per creare un ripieno cremoso e filante. Le polpette di zucca possono essere fritte o al forno, per un risultato ottimale accompagnale con un mix di salse. 

Visita il nostro catalogo e scopri tutte le nostre proposte!

Pumpkin cake

Di origine americana, la pumpkin cake è caratterizzata da una base di pasta brisé ed un cuore morbido di crema di zucca aromatizzata con cannella. Servila con panna e una manciata di semi di zucca.   

Cosa ne pensi di questo menù? 

Registrati al nostro catalogo e trova tutti gli ingredienti necessari per la realizzazione dei piatti. 

Continua a seguirci sui nostri canali social, ogni settimana pubblichiamo consigli e spunti per il mondo della ristorazione.

Seguici! 

Per maggiori info contattaci:
Chiama al 0332 262202
Scrivici su info@cdamarket.it


Iscriviti alla Newsletter!

Niente Spam, solo Novità e offerte pensate per te.


    captcha

    Natale: come ricreare l’atmosfera nel tuo locale

    Il periodo che precede il Natale è magico e di attesa, caratterizzato da una fase di lunga preparazione. Quando le giornate cominciano a diventare invernali, in centro le caldarroste fanno da padrone e halloween è passato da tempo, è indice dell’arrivo del periodo natalizio.  Creare l’atmosfera calorosa e festaiola nel tuo locale potrà essere d’appeal sia per grandi che piccini.  Scopriamo insieme cosa potrai aggiungere nel tuo locale 🙂   

    L’Albero di Natale 

    Grande o piccolo, vero o finto, minimal o super addobbato, l’albero di Natale è un must che non dovrebbe mai mancare nel tuo locale.  Grazie alla magia delle lucine e i suoi colori brillanti sarà un’attrattiva super apprezzata. 

    Centrotavola…e non solo

    La tavola ha un ruolo fondamentale perché su di essa ruota tutta l’esperienza del pranzo o della cena.  Per addobbarla usa una palette colori tipicamente natalizia e aggiungi alcuni elementi e prodotti tipici della stagione, non solo classici centrotavola con fiori ma anche limoni, mandarini, stecche di cannella.  Per dare un tocco ancora più stiloso spargi delle zucche in giro nel tuo locale e appendi del vischio sotto le porte.  Rendi il tuo locale bello e instagrammabile, in modo tale da averne un ritorno anche in termini social e di notorietà. 

    Vetrofania

    Per alcuni è un po’ superata ma rimane pur sempre efficace. La vetrofania ha ancora un ruolo importante perché grazie all’ausilio di pupazzi di neve, renne, babbo natale e lucine riuscirai a catturare l’attenzione anche dei passanti più distratti. 

    Frasi ispirazionali

    Utili per creare un’atmosfera sognante, le frasi ispirazionali potranno essere incollate direttamente al muro o scritte su delle lavagnette poste in punti strategici. 

    Fai parlate di Te!

    Durante il periodo natalizio lancia un hashtag personalizzato che le persone possono utilizzare quando si recano nel tuo locale.  Comunicalo in maniera chiara e d’impatto all’entrata oppure crea una postazione instagrammabile in cui le persone possono scattare la foto, taggarvi e darvi la possibilità di repostarli sui vostri canali social.  Preparati al meglio al Natale, segui i nostri canali social!

    Per maggiori info contattaci:
    Chiama al 0332 262202
    Scrivici su info@cdamarket.it


    Iscriviti alla Newsletter!

    Niente Spam, solo Novità e offerte pensate per te.


      captcha

      Come utilizzare la prugna: i migliori dessert per bar e ristoranti

      La prugna è un frutto dai mille usi e tante proprietà, sempre più apprezzato dalla ristorazione per la realizzazione di diversi piatti o dolci. Da sempre è stato impiegato anche come un ottimo prodotto terapeutico grazie alle sue proprietà lassative, antiossidanti e disintossicanti.  Con polpa scura o chiara, tondeggianti o allungate, fresche o essiccate, di prugne e susine ne esistono di diverse varietà. Ciò che le accomuna tutte è la bontà e la varietà di ricette a cui si prestano.

      I 6 dessert con la prugna che potresti proporre nel tuo locale 

      In questo articolo vogliamo consigliarvi 6 dessert che potresti proporre nel tuo bar o ristorante

      Crostata di prugne 

      Un classico della tavola casereccia e semplice: le crostate possono essere farcite con qualsiasi tipologia di confettura, ovviamente immancabile anche quella con la prugna!

      Torta soffice alle prugne

      La tipica torta della nonna, avvolgente e soffice da servire direttamente con una spolverata di zucchero a velo. 

      Gelato di Prugne 

      Un gelato dal sapore fresco e non dolciastro.

      Tra gli abbinamenti più amati troviamo prugna e menta da servire nel formato pallina, in coppa o in simpatici vasetti. 

      Sbrisolona di Prugne 

      Il punto di partenza è la tipica ricetta mantovana che incontra la prugna e dà vita alla “Sbrisolona alle prugne, un dolce friabile che potrebbe essere servita con pallina di gelato al cioccolato. 

      Plumcake di prugna

      Non un semplice plumcake farcito ma un dessert sofisticato con l’aggiunta di piccoli acini d’uva alla polpa di prugna. Un vero mix esplosivo che si scioglie in bocca!

      Muffin alla prugna

      Morbidi e amati anche dai più piccoli. I muffin alla prugna faranno impazzire tutti!

      Per altri spunti e ricette seguici anche sui nostri canali social!  

      Per maggiori info contattaci:
      Chiama al 0332 262202
      Scrivici su info@cdamarket.it


      Iscriviti alla Newsletter!

      Niente Spam, solo Novità e offerte pensate per te.


        captcha

        5 primi piatti autunnali da proporre nel tuo locale

        Le serate diventano sempre più frizzanti e si ritorna a tirare fuori i primi plaid e le prime giacche. 

        Se stai cercando dei piatti che possano essere sinonimo di calore e di atmosfera autunnale, sei nel posto giusto. 

        Ecco 5 primi piatti dal sapore autunnale da portare nel menu del tuo ristorante

        Tagliatelle ai funghi 

        Un primo piatto di pasta fresca dal sapore autunnale. 

        Grazie alla cremosità dei funghi e la porosità delle tagliatelle creerai un piatto gustoso e avvolgente. 

        Minestrone di verdure 

        Simbolo di casa e di semplicità, il minestrone di verdure è un primo piatto intramontabile. 

        Usa sempre verdure fresche e di stagione, ideale da accompagnare con crostini di pane bruschettato.

        Risotto con Gorgonzola e Pere

        Se dovessimo dare un titolo a questo piatto sarebbe “Gli opposti si attraggono”

        La sapidità della gorgonzola e la dolcezza della pera rendono questo primo uno dei piatti più attesi della stagione autunnale. 

        Provare per credere!

        Tagliatelle al Tartufo

        Alcuni lo preferiscono bianco, altri nero. 

        Cosa c’è di meglio di un buon piatto di tagliatelle al tartufo ?

        Un primo piatto ricercato che non può mancare nel menù di un locale. 

        Risotto alla Zucca 

        Il risotto alla zucca è un primo semplice e allo stesso tempo sofisticato.

        Puoi scegliere di creare degli abbinamenti ad hoc con salsiccia o speck ma la verità  che è già buono così.

        Dove trovare le materie prime ideali per i tuoi piatti

        Tutti i prodotti per la realizzazione di queste ricette sono reperibili nel nostro catalogo online.

        Per visualizzare promo e prezzi, fai la tua richiesta per accedere al nostro catalogo qui:

        Continua a seguirci sui nostri canali social, ogni settimana pubblichiamo consigli e spunti per il mondo della ristorazione.

        Seguici! 

        Per maggiori info contattaci:
        Chiama al 0332 262202
        Scrivici su info@cdamarket.it


        Iscriviti alla Newsletter!

        Niente Spam, solo Novità e offerte pensate per te.


          captcha

          Pranzo di lavoro Smart & Safe

          Settembre è una sorta di nuovo capodanno: si riprende il vecchio stile di vita, si rinnova l’abbonamento in palestra, si ricomincia ad andare al cinema e ovviamente si ritorna al lavoro. 

          In questo ultimo anno e mezzo le nostre case sono diventate contemporaneamente uffici, ristoranti, palestre…

          Oggi però, man mano che le restrizioni per la pandemia si attenuano e sempre più gente viene vaccinata, si ritorna al lavoro in ufficio e con esso anche i pranzi di lavoro. 

          Il ritorno dei pranzi di lavoro: le abitudini dei consumatori stanno cambiando 

          Possiamo ufficialmente dire che i pranzi di lavoro sono ritornati, i ristoranti sono sempre più pieni e le abitudini stanno cambiando. 

          Insieme al cambiamento dettato dal Covid-19 ne sono arrivati altri: lo scopo, sempre più crescente degli ultimi anni, è quello di dire NO a patatine fritte e Junk Food e offrire sempre più pasti salutari, biologici ma soprattutto che non impattino sull’ambiente. 

          5 consigli per ristoratori: pranzo salutare e sicuro

          Anche se pub, pizzerie e ristoranti stanno prendendo sempre più misure di sicurezza, 

          oggi vogliamo offrirti 5 consigli da attuare nel tuo locale per rendere il pranzo di lavoro ancora più sicuro e confortevole: 

          Menù Light

          L’offerta proposta dovrebbe essere caratterizzata principalmente da piatti leggeri, salutari e anti abbiocco. 

          Tra i piatti più apprezzati ci sono le insalate con verdure e cereali, ma anche le insalate con verdure e proteine (es. pollo). 

          Prezzi accessibili

          Pensa ad una formula conveniente per i tuoi clienti, spesso quella più apprezzata è la celeberrima formula “menù fisso”, composta da una portata + acqua e caffè. 

          In alternativa potresti puntare sulla fidelizzazione e pensare a delle fidelity card, una vera e propria raccolta punti in cui ogni 10 pranzi, uno è gratis. 

          Utilizza dehors e spazi esterni

          Se ne hai la possibilità prova ad allestire spazi esterni all’aperto o dehors, in modo tale da garantire ancora maggiore distanziamento e sicurezza. 

          Delivery e Take Away

          Molti ristoranti, una volta eliminata la zona rossa, hanno eliminato la possibilità di prenotare con Delivery e Take Away

          Questo è un errore enorme, non solo perché sempre più persone tendono ad acquistare cibo da asporto ma perchè c’è ancora una fetta di smart workers che continuano a lavorare da casa.

          Innovazione 

          Offri la possibilità di prenotare un tavolo in anticipo attraverso una pratica App, oppure, onde evitare di maneggiare ancora i buoni vecchi menù cartacei, crea un QR code da poter scansionare direttamente da cellulare una volta seduti al tavolo.

          Permetti di pagare direttamente da App o attraverso metodo contactless.

          Conclusioni 

          Questi sono soltanto alcuni piccoli accorgimenti che possono cambiare il modo di vivere la pausa pranzo nel tuo locale, ma presto potrebbero arrivarne altri!

          Se hai letto fin qui saprai già come presentare delle ottime soluzioni per un buon pranzo di lavoro. 

          Continua a seguirci sui nostri canali social, ogni settimana pubblichiamo consigli e spunti per il mondo della ristorazione.

          Seguici!

          Per maggiori info contattaci:
          Chiama al 0332 262202
          Scrivici su info@cdamarket.it


          Iscriviti alla Newsletter!

          Niente Spam, solo Novità e offerte pensate per te.


            captcha

            Scegliere il biologico: tutto quello che un ristorante dovrebbe sapere

            Che sia importante mangiare biologico, per la nostra salute e per il nostro pianeta, è ormai chiaro a tutti. 

            Ogni giorno vediamo un proliferare di libri, riviste, blog che ci spingono a scegliere determinati prodotti piuttosto che altri. 

            Secondo Wikipedia: 

            L’agricoltura biologica è un tipo di agricoltura che sfrutta la naturale fertilità del suolo favorendola con interventi limitati; vuole promuovere la biodiversità delle specie domestiche (sia vegetali, sia animali), esclude l’utilizzo di prodotti di sintesi e degli organismi geneticamente modificati (OGM).”

            Gli elementi biologici non contengono pesticidi, sfruttano maggiormente le proprietà del suolo generando prodotti più freschi, pieni di vitamine e gustosi, motivo per cui il biologico è sempre più apprezzato dai consumatori, anche al ristorante. 

            Ovviamente quando parliamo di biologico intendiamo anche l’universo dell’allevamento: consumare carne o formaggi provenienti da aziende agricole significa mangiare carni e latticini freschi, derivati da animali che non vengono allevati in maniera intensiva o con antibiotici. 

            Mangiare biologico: ecco alcuni consigli

            Di fronte all’argomento biologico una delle obiezioni più frequenti riguarda il costo e dove reperire prodotti biologici

            Ecco alcuni consigli: 

            • Acquista nei mercatini degli agricoltori: in molte città ci sono dei veri e propri mercatini settimanali;
            • Nel tuo ingrosso alimentare di fiducia scegli il reparto Bio: su ogni confezione è presente l’origine del prodotto;
            • Online potrai trovare molti siti di cibo biologico che fanno consegne in tutt’Italia e all’estero; 
            • Scegli frutta e verdure di stagione: più economiche ma soprattutto più buone.

            Perché promuovere il BIO nel tuo ristorante

            Negli ultimi anni la ristorazione si sta ponendo sempre più obiettivi trasversali: ovvero cercare di offrire abitudini alimentari corrette, rispettare l’ambiente e l’ecosistema, oltre a tenere sempre in considerazione il congruo rapporto tra qualità e prezzo. 

            Stai pensando a dei piatti biologici da introdurre nel tuo ristorante?

            Fai la tua richiesta per accedere al nostro catalogo qui:

             Potrai trovare una vasta gamma di prodotti buoni, sostenibili ed equilibrati.

            Le marche biologiche presenti in CDA 

            Per noi di CDA Market è importante proporre ai nostri clienti una vasta gamma di marche che trattano prodotti bio, tra cui: 

            • Granoro
            • Fiorentini
            • Ortuso
            • Robiola Osella
            • Galbusera
            • Gruppo Végé
            • Rigoni Asiago
            • Biffi
            • Ponti
            • Ohi Vita

            Per rimanere aggiornato/a su abbinamenti e novità del mondo della ristorazione seguici sui nostri canali social

            Per maggiori info contattaci:
            Chiama al 0332 262202
            Scrivici su info@cdamarket.it


            Iscriviti alla Newsletter!

            Niente Spam, solo Novità e offerte pensate per te.


              captcha

              I piatti della tradizione natalizia da Nord a Sud della penisola

              Le tavole degli italiani, durante il Natale, sono un trionfo di sapori e colori tipici della tradizione regionale.
              Oggi andremo alla scoperta dei piatti natalizi del Belpaese.
              Nella Valle d’Aosta, molto apprezzati sono i salumi tipici e i formaggi accompagnati dalla polenta.
              Tra i primi piatti, è indispensabile menzionare la “zuppa alla Valpellinentze“; la seconda portata prevede selvaggina o vitello al forno accompagnato da patate e, per terminare, il Montblanc.
              In Piemonte sono gettonati gli agnolotti del plin, preparati con pasta fresca ripiena di carne, il vitello tonnato, e, come dessert, le “bignole“.
              Anche le tavole lombarde, per quanto concerne gli antipasti, vedono come protagonisti gli affettati.
              I tortelli di zucca costituiscono il primo piatto preferito e solitamente prevedono come condimento burro e salvia.
              La seconda portata spazia dal cappone ripieno in brodo alla faraona arrosto, ed ancora all’anguilla ai ferri.
              Il dolce per eccellenza è il popolarissimo “Panetùn“.
              In Liguria, il primo piatto dominante è costituito dai natalini in brodo di cappone o i ravioli al tocco che sono realizzati con pasta fresca ripiena di carne ed interiora ed alcune piante come maggiorana, scarola ecc..
              Il coniglio alla genovese è il re indiscusso dei secondi della tradizione ligure; mentre per i dolci, trionfano il pandolce o i ravioli ripieni di marmellata.
              In Trentino Alto Adige i protagonisti sono i “canederli” e i “casunziei“: pasta ripiena di patate e rape che solitamente ha la forma di una mezza luna; il gulash alla trentina come secondo piatto e, dulcis in fundo, lo strudel.Sulle tavole del Veneto non possono mancare il risotto alla trevigiana seguito dal baccalà alla vicentina.
              Come dessert? Sicuramente l’intramontabile pandoro.Tra i piatti tipici della tradizione natalizia del Friuli, primeggiano gli gnocchi, il gulash e la “gubana“: un dolce ripieno di uvetta, liquore e frutta secca (precisamente noci e pinoli).In Emilia-Romagna, i protagonisti indiscussi sono i tortellini; per quanto concerne il secondo, viene consumato un piatto a base di bollito e, per il dolce, dei “tortelli di Natale” che vengono fritti o cotti al forno e farciti con crema o pesto natalizio.
              I tortellini sono presenti anche sulle tavole della Toscana e vengono cotti nel brodo di pollo, il secondo tipico di questa regione è l’arrosto misto e/o la faraona.

              I piatti tipici dell’Umbria sono pappardelle al cinghiale e costolette panate, da alternare a salsiccia in umido con lenticchie. Le “pinoccate” costituiscono il dessert e sono realizzate con pinoli e zucchero fuso, a forma di biscotti.

              Nelle Marche l’antipasto per eccellenza sono le olive all’ascolana; il cappone viene consumato sia per la seconda portata che per la prima sotto forma di brodo in accompagnamento ai cappelletti. Il dolce tipico è la “pizza di Natale“.

              Il menù in Abruzzo prevede la lasagna, anche detta timballo, tacchino alla canzanese, arista alle prugne e il “parrozzo“, un dolce tradizionale apprezzato anche dal poeta D’Annunzio.

              Nella regione del Lazio si inizia con delle gustose bruschette, si prosegue con pasta ai broccoli in brodo di arzilla, spaghetti cacio e pepe, baccalà fritto e, in conclusione, il “panpepato”.

              Nel Molise abbiamo spaghetti con le seppie, maiale e “Milk Pan“, un dolce bagnato col liquore e avente la forma di uno zuccotto.

              Il menù della Campania prevede: pizza di scarola, pasta con le vongole, baccalà fritto e una valanga di dolci come roccocò, struffoli, mostacciuoli ecc…

              In Puglia dominano i “cavatelli ai frutti di mare“, il baccalà fritto e, per quanto concerne il dolce, una specialità a base di miele che prende il nome di “cartellate“.

              In Basilicata abbiamo gli “strascinati al ragù“, il baccalà e le pettole arricchite con uvetta e miele.

              Il menù in Calabria prevede un ricco antipasto a base di salumi e formaggi tipici e crespelle seguito da spaghetti con le alici, stoccafisso con le patate, torroni e petrali, i quali sono realizzati con una base di pasta frolla e ripieni di frutta secca, fichi e vino cotto.

              L’antipasto in Sicilia per eccellenza sono le crespelle ripiene di ricotta; seguono poi il “ripiddu nivicatu” ossia una rivisitazione della pasta al nero di seppia, baccalà fritto, falsomagro e i “buccellati” fatti di pasta frolla e ripieni di mandorle o fichi.

              Il menù in Sardegna è molto ricco: linguine con ricci o gnocchetti con il sugo d’agnello per i primi, il “porceddu” o le seppie ripiene come secondo, e le “pabassinas” che sono un dolce tipico.

              I migliori luoghi in Italia dove trovare i tartufi

              Sebbene sia spesso erroneamente identificato con un fungo, il tartufo è una delle specie tuberacee più raffinate che arrivano a solcare le nostre tavole.

              Anche la ricerca stessa del tartufo non è cosa da tutti, infatti oltre a richiedere il possesso di uno specifico tesserino, necessita di una notevole dose di esperienza, utile a evitare il danneggiamento delle tartufaie e il degrado paesaggistico causato dalla realizzazione di buche non necessarie.

              Tartufo in Italia: località di maggior interesse

              L’Italia è un territorio fertile per questo tipo di tubero: basta seguire la dorsale appenninica per assicurarsi di toccare aree ricche di tartufaie di diverse qualità e pregio. La regione più importante per la produzione e la raccolta del tartufo è sicuramente il Piemonte, dove troviamo i più ricercati tartufi bianchi e neri, in particolare attorno alla zona di Alba (Cuneo). Altre località di spicco sono Acqualagna per i tartufi bianchi e Bagnoli Irpino per quelli neri.

              Rimanendo nel settentrione, sicuramente anche il Veneto merita una menzione per quanto riguarda la ricerca dei tartufi, collocandosi tra le località più redditizie assieme alla Lombardia. Seguendo invece lo scheletro della nostra penisola, costituito dalla catena degli Appennini, le regioni di maggior interesse risultano l’Emilia Romagna, la Toscana, il Lazio, l’Umbria, il Molise, le Marche, la Campania e la Calabria.

              Raccolta del tartufo: alcuni consigli

              Il tartufo impiega all’incirca sei mesi per maturare, ed è consigliabile coglierlo solo a questo punto del ciclo vitale sia per una questione di gusto e qualità, sia perchè è solo ad avvenuta maturazione che ne inizia la fase riproduttiva che permette il mantenimento delle tartufaie. Generalmente il tubero si assesta a una profondità che va dai cinquanta ai settanta centimetri al di sotto del terreno.

              I luoghi che risultano più consoni alla vita del tartufo sono le zone boschive, in assenza di piante erbacee e con una presenza arborea inferiore al 30% del totale. Qualitativamente il terreno più adatto ha origine calcarea e risulta mediamente permeabile.

              Vi sono poi delle piante in prossimità delle quali è più probabile imbattersi nella presenza di tartufaie. In questo caso è importante distinguere tra le due qualità esistenti, ovvero il tartufo bianco e quello nero.

              Le piante simbionti caratteristiche del tartufo bianco sono il salice bianco, il tiglio, il nocciolo, la farnia, il rovere, il carpino nero, la roverella, il pioppo, il cerro e il salicone. Inoltre un terreno più fertile per questa tipologia di tartufo non è eccessivamete permeabile ma areato, ha origine calcarea, argillosa o sabbiosa e risulta povero di azoto e fosforo in favore invece del potassio.

              Il tartufo nero invece, viene rinvenuto in prossimità di cerro, nocciolo, leggio, tiglio, carpino nero, cisto e roverella. Anche in questo caso un terreno povero di fosforo e azoto risulta particolarmente favorevole alla crescita di questo tubero, mentre dal punto di vista della coposizione, il tartufo nero predilige aree calcaree ma ad alto contenuto di detriti e pietrisco, con un sottosuolo compatto.

              Ricerca del tartufo: meglio soli o accompagnati?

              Un tartufaio esperto può forse fare a meno di un fidato compagno di avventura, ma è in genere raccomandabile servirsi di un cane adeguatamente addestrato per la ricerca dei tartufi. Le razze più indicate per questo scopo sono il Lagotto Romagnolo (razza indicata specificatamente come “cane da tartufo”), il Bracco Tedesco, il Pointer e altri cani utilizzati tipicamente per la caccia e il riporto.

              In passato era diffuso anche il cosiddetto maiale da tartufo: il mammifero infatti, essendo dotato di un fiuto molto sviluppato, svolgeva perfettamente il compito di individuazione ed estrazione del tubero. Tuttavia, la foga con cui il maiale esegue lo scavo, arrivando spesso a danneggiare irreparabilmente le tartufaie, nonchè la sua ingordigia, che lo porta a ingerire gran parte dei tartufi estratti, hanno fatto sì che non venisse più considerato consono e quindi che il suo impiego venisse vietato per legge.

              Sana 2018, il cibo del futuro è bio

              L’edizione di Sana 2018 si è svolta a Bologna nei giorni dal 7 al 10 settembre. Il bilancio della trentesima edizione del Salone Internazionale del Biologico e del Benessere si è conclusa in maniera molto positiva. Il biologico sul territorio italiano è un fenomeno in crescita, che diventa anno dopo anno sempre più solido e radicato. Tantissimi gruppi agroalimentari ad oggi possiedono una propria linea di prodotti biologici da offrire ai consumatori. Le persone possono facilmente reperire alimenti e cosmetici bio non soltanto nei canali e nei negozi specializzati ma anche nella grande distribuzione.

              Nei tre giorni del Sana si sono svolti diversi meeting con professionisti del settore e sono stati trattati molti argomenti come l’importanza della tecnologia per la sostenibilità dell’ambiente, la cosmesi naturale o l’autorevolezza delle certificazioni. I numeri del mondo biologico sono in costante crescita, in Italia il bio fattura oltre 5 miliardi in un anno di cui 2 derivano dalle esportazioni. Circa l’80% degli italiani nell’ultimo anno hanno comperato prodotti bio, mentre quasi la metà li usa abitualmente. I dati in crescita riguardano anche la produzione agricola con il biologico che si conquista il 15% della SAU (Superficie Agricola Utilizzata) italiana.

              Dal Sana 2018 si può affermare che il futuro del cibo verte verso il biologico. Sono state le persone stesse a votare le caratteristiche del cibo del futuro e tra quelle principali, oltre al biologico, troviamo anche altre opzioni che lo desiderano coltivato a basso impatto ambientale, in grado di rispettare i diritti umani e anche prodotto da avanzi e scarti di tipo alimentare.

              LIPITALIA2000, a tal proposito, è un’azienda che dagli scarti alimentari ha prodotto dei mangimi per insetti, animali che possono essere utilizzati a loro volta per nutrire animali da allevamento grazie al loro alto contenuto di proteine.
              Skretting è, invece, un’azienda che si occupa della produzione di mangimi in acquacoltura. La visione di questa società afferma che allevamento e acquacoltura possono essere una soluzione al problema della pesca intensiva.
              Altri esperti del settore affermano che va data la priorità a una riduzione dell’impatto ambientale causato dagli allevamenti e va favorita una migliore gestione del suolo sia per quantità che per tipologia.

              Le aziende sono quindi sempre più propense a una tutela dei consumatori ma anche del territorio e dell’ambiente. La strada è ancora lunga e si dovranno coinvolgere non soltanto le aziende produttrici ma anche i consumatori, informandoli riguardo l’impatto ambientale che ha il ciclo di produzione e smaltimento del cibo che mangiano.
              L’esperienza e il piacere legati al cibo hanno raggiunto oggi uno sviluppo dalle tante sfaccettature ma non va sottovalutata la disponibilità degli alimenti.

              I punti fondamentali per l’alimentazione del futuro

              Durante gli incontri del Sana sono state tracciate delle linee guida che pongono le basi per l’alimentazione del futuro. Ogni cibo non può prescindere anzitutto da questi tre punti:

              essere a conoscenza dei fenomeni passati e presenti;

              individuare le problematiche legate alla produzione del cibo come lo spreco, la scarsità, il riscaldamento globale, l’inquinamento ambientale. A questi temi vanno aggiunti anche quelli che riguardano gli stili di vita e alimentari delle persone;

              riconoscere l’importanza di ciò che si sceglie ogni giorno sia per quanto riguarda la produzione che il consumo per potersi orientare nel futuro;

              Una volta definite queste nozioni imprescindibili riguardanti il cibo del futuro, sono state descritte altre quattro tematiche da affrontare riguardo l’argomento.

              Innanzitutto l’aspetto esclusivamente funzionale dell’alimentazione, fondamentale per vivere.

              L’educazione alimentare, utile e necessaria per individui consapevoli e per migliorare la salute.

              L’impatto ambientale che hanno le coltivazioni e le produzioni, un aspetto che pesa notevolmente sulle condizioni della Terra.

              Proposte, idee e interventi per combattere gli sprechi alimentari, un argomento che è sempre più sentito anche dalla gente.

              Non solo cibo

              Il biologico sempre più presente nella vita degli italiani non riguarda solo il cibo. Al Sana si parla anche di benessere, natura e cosmesi. In questa occasione si è svolto un convegno dal titolo “Dall’alimento al cosmetico biologico“. Non siamo soltanto ciò che mangiamo ma anche ciò che ci mettiamo sulla pelle. Per questo motivo è importante investire nel biologico sui prodotti di cosmesi. Eliminare prodotti chimici che, oltre a essere potenzialmente nocivi, spesso vengono prodotti con poca attenzione rispetto all’impatto ambientale.